NON SIAMO RIUSCITI A INNOVARE IL NATALE (CHE È GIÀ PERFETTO COSÌ)

Ma almeno quest’anno contribuiamo a rimordernare il pulmino del Gruppo della Gioia.

Secondo una ricerca dell’Istat sono 6,63 milioni gli italiani che si impegnano in attività di volontariato. Un dato che corrisponde quasi al 12% della popolazione.

Ti racconto come è nata l’dea: a metà novembre ci siamo riuniti per decidere che iniziativa adottare a Natale.  Ognuno di noi ha messo sul tavolo una serie di proposte ma ci sembrava uscissero solo banalità. 

Come si fa nei migliori brainstorming, ci siamo messi di impegno e abbiamo preso dei fogliettini dove ognuno di noi ha scritto in gran segreto una parola che potesse rappresentare il Natale.

Apriamo i bigliettini e leggiamo ad alta voce:

VACANZE; REGALI; CIBO; FAMIGLIA; FAMIGLIA; FAMIGLIA; FAMIGLIA….

Era chiaro a tutti che il vero senso del Natale è la famiglia. 

Cosa potevamo fare quindi per le famiglie? 

la risposta è venuta da sé: aiutare chi le famiglie le aiuta già. 

Ci siamo informati e abbiamo scoperto che, vicino ai nostri uffici, esiste un’associazione chiamata “Volontari gruppo della Gioia”, che aiuta le famiglie con persone disabili e non solo.

Ho intervistato Clarissa, volontaria dell’associazione e le ho chiesto come è nato il Gruppo Volontari della Gioia

L’associazione nasce verso la fine degli anni ‘90 per volere di Aldo Ciaponi, missionario locale che riunì un gruppo di volontari con l’obiettivo di dare sollievo alle famiglie con persone disabili.

Il gruppo negli anni ha visto numerose adesioni di ragazzi e volontari e per questo motivo nel 2.000 venne ufficializzato associazione, inizialmente con sole finalità di assistenza sociale ai disabili e sollievo alle loro famiglie.

Col passare degli anni il Gruppo è sempre di più cresciuto, allargando l’attenzione anche agli aspetti sociali della comunità, facendosi promotore di una cultura di integrazione degli emarginati.

L’obiettivo principale, oggi, è quello di evitare l’esclusione sociale nei diversi contesti, non solo quelli relativi alla disabilità.

Attualmente il Gruppo opera in diversi contesti e con diverse utenze: disabili, minori, anziani e più in generale, persone a rischio di esclusione sociale. 

L’obiettivo che vede impegnati oltre 150 associati e circa 80 volontari attivi è quello di scongiurare l’emarginazione, portando i ragazzi disabili a fare delle uscite e proponendo momenti di animazione per gli anziani.

Vengono anche organizzati eventi con l’obiettivo di raccogliere dei fondi che possano aiutare l’associazione nell’organizzazione delle attività. 

La coordinazione dell’associazione è gestita da un direttivo formato da circa 7 volontari e portate avanti da un operatore sociale fisso e preparato.

Oltre alla cerchia famigliare, c’è un mondo da approcciare ma spesso ai ragazzi disabili mancano le occasioni.

Oggi l’associazione conta circa 20 soggetti con disabilità al 100%. 

A questo utenti vengono proposte varie attività con due principali grandi obiettivi:

  1. Il primo è far vivere esperienze e momenti piacevoli e divertenti alle persone disabili, facendoli interagire tra di loro e con persone diverse dalla loro famiglia che normalmente si dedica a loro.
  2. Il secondo è di sollevare, almeno per qualche ora, la cura e la custodia da parte delle famiglie della persona disabile.

Le attività proposte ai ragazzi sono varie e racchiudono esperienze di sport, benessere, pet-therapy, musicoterapia, uscite ricreative e partecipazione ad eventi territoriali.

Ogni anno, per esempio, il Gruppo partecipa alla Christmas Running, alle Cantine di Morbegno, alla Fiera del Bitto e molte altre attività.

Non mancano mai nemmeno l’uscita in discoteca, un pomeriggio di shopping o un bel film al cinema. 

Gli amanti dei motori sono sempre accontentati con i giri in pista a Monza oppure la visita ad un autodromo con ingresso al paddock.

Vengono proposti anche laboratori artistico-espressivi, percorsi di acquaticità e week-end sulla neve per permettere ai ragazzi di sperimentarsi sugli sci (grazie alla fornitura di un’attrezzatura adeguata per lo sci alpino categoria sitting, di maestri abilitati e degli instancabili e imbattibili volontari!).

Sempre secondo una ricerca Istat, il 30% dei residenti in Italia è a rischio povertà ed emarginazione

Un dato allarmante che fa sempre più paura se pensiamo che questa percentuale non accenna a diminuire.

Pensate quanta serenità può dare a queste persone che sono per lo più disabili, adulti e anziani rimasti soli, il fatto di potersi trovare in situazioni piene di allegria canti, giochi, scenette e risate.

Queste attività si svolgono mensilmente presso la Casa di Riposo.

I soldi: la spina nel fianco di quasi tutte le associazioni

L’idea è vecchia come le piramidi ma le iniziative di raccolta fondi, per le associazioni, sono ancora la prima fonte di sostentamento insieme alle donazioni private.

Il Gruppo Volontari della gioia lo sa bene, infatti ogni anno raccoglie fondi per sostenere le proprie attività attraverso la partecipazione a tre grossi eventi della bassa Valtellina: 

  • La Sagra del Gnocco Fritto

Che quest’anno conta la sua ’undicesima edizione

  • La tombolata di Natale 

Un evergreen per ogni “famiglia” che si rispetti

  • Il torneo Rosazzurro.

Calcio a 5 in cui ogni squadra dovrà schierare almeno una ragazza in campo

Faresti mai girare la tua famiglia su un pulmino vecchio e non a norma? 

La risposta è NO. 

Per questo non vogliamo che nemmeno i ragazzi e i volontari dell’associazione mettano la loro vita a repentaglio con un pulmino vecchio e malandato.

Il nostro regalo quest’anno è stato sostenere la fondazione per l’acquisto di un nuovo pulmino che possa trasportare i ragazzi con sicurezza nei loro spostamenti e far sentire questa grande famiglia “Volontari Gruppo della Gioia” un po’ più sicura e sostenuta anche dalla comunità e le aziende vicine.

Buon Natale da tutti noi di Cy.Pag.

Potresti leggere anche...

MAGAZINE CY.PAG.

Resta sempre Aggiornato
Sul Mondo della Pneumatica

Scopri le ultime novità sui cilindri Pneumatici e come utilizzarli in modo ottimizzato per risparmiare e migliorare le tua produzione.

Compila il form e ricevi il magazine gratuitamente nella tua email.

magazine